LE 4 ERESIE DEL MODELLO STRATEGICO

eresie del modello strategico

Una rivoluzione copernicana per la Psicoterapia

L’approccio strategico alla terapia dei disturbi psichici e comportamentali rappresenta una rivoluzione copernicana rispetto alla gran parte dei modelli psicoterapeutici. Esso è caratterizzato da quattro aspetti che fungono da vere e proprie eresie disciplinari. Proviamo a vedere quali sono e ad esaminarne gli aspetti più rilevanti.

1. Non esiste una sola realtà ma tante realtà a seconda dei punti di osservazione e degli strumenti utilizzati per osservare.

L’«eresia» rappresenta il passaggio da sistemi teorici «chiusi» a sistemi teorici «aperti», dal concetto di «verità scientifica» a quello di «probabilità»; dalla deterministica «causalità lineare» all’elastica «causalità circolare»; dalla «ortodossia» al «dubbio metodologico». In altre parole, si passa dall’atteggiamento fideista del credente, all’atteggiamento disilluso del ricercatore.

2. Il passaggio è dai contenuti ai processi, un sapere come fare piuttosto che un sapere perché.

Il compito del terapeuta si focalizza sul come funziona e sul come si può cambiare la situazione di disagio di un soggetto, coppia o famiglia.

3. Risolvere rapidamente complicati problemi umani: Il terapeuta si assume la responsabilità di influenzare direttamente il comportamento e le concezioni del paziente.

 Il terapeuta mantiene l’iniziativa durante tutta la terapia e studia una tecnica particolare per affrontare ogni singolo problema

 Se la terapia funziona gli indicatori di cambiamento devono apparire subito

 Richiede al terapeuta grande elasticità mentale unita al possesso di un ampio repertorio di strategie e tecniche di intervento terapeutico

4. Se vuoi vedere impara ad agire. Si cambia l’agire per cambiare il pensare.

Dal punto di vista strategico, si parte dalla convinzione che per cambiare una situazione problematica, prima si deve cambiare l’agire e di conseguenza il pensare del paziente, o il punto di osservazione, la sua cornice della realtà. Con il termire agire si intende tutto ciò che noi esperiamo nella nostra relazione con gli altri e il mondo:

-una forte emozione

-un casuale incidente nella nostra usuale routine

-una forte suggestione

BIBLIOGRAFIA

Nardone G.; Watzlawick P.(2010). L’arte del cambiamento. La soluzione di problemi psicologici e interpersonali in tempi brevi. Tea Pratica.

Autrice: Dott.ssa Francesca Troiano
Psicologa- Specialista in Psicoterapia Breve Strategica

2 Commenti

  • Steve

    I respect your work.

    • Darrence

      Finding this post has aneswered my prayers

  • Scrivi un commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *